Saturday, November 17, 2018
Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)
Banner

Resoconto della serata di presentazione del libro 'La Chiesa di San Giacomo a Rezzato. Guida artistica e iconografica' (Comune di Rezzato 28 febbraio 2015)

There are no translations available.

Nel porgere il benvenuto, l'assessore prof. Claudio Donneschi si è detto stupito per l'affollata sala consiliare, segno dell'interesse del pubblico per questo luogo sconosciuto a molti, ma carico di storia millenaria.

Donneschi ha ringraziato l'Associazione Carmagnola di Castenedolo nella persona del presidente arch. Giuliano Filippini,  per la passione e l'impegno dei propri soci che, tramite il lavoro volontario, hanno iniziato nella cascina un lavoro di recupero del locale ex scuderie installandovi un museo di civiltà contadina, raccogliendo reperti agricoli del territorio, con l'intenzione di farne un museo diffuso destinato ad ampliarsi nel tempo che potrà essere reso in futuro fruibile alle scolaresche rezzatesi e castenedolesi. Ma altre iniziative avvengono soprattutto nel periodo estivo con occasioni di rievocazioni e recupero della memorie come quella annuale della battaglia di Treponti, rievocativa dello scontro tra garibaldini ed austriaci durante la Seconda Guerra d'Indipendenza, spettacoli e concerti in collaborazione con l'amministrazione municipale.

Il complesso di proprietà degli spedali civili di Brescia,che ospita la chiesa di San Giacomo, si presta dunque a richiami turistico culturali anche a pochi minuti di pedali...

Ha preso la parola l'arch. Giuliano Filippini che dopo aver presentato la propria associazione, ha sottolineato l'importanza del luogo sia per la millenaria storia,sia per il complesso freschivo decorativo dell'edificio religioso, a cui è dedicato il libro, sia per la potenziale rilevanza archeologica del sito ,rimasto indenne nel tempo, e che con alcune ricognizioni potrebbe portare ad uno studio stratigrafico per testimoniare i vari passaggi dei secoli. Un richiamo doveroso è stato fatto alla necessità di restauri soprattutto iniziando dalla copertura del tetto al fine di preservare intatta la parte affrescata.

Il prof. Riccardo Bartoletti, curatore della pubblicazione ha poi illustrato la storia dell'edificio religioso, voluto espressamente (“iussu” si legge tra le righe della lapide all'esterno) dal papa Pasquale II, peculiarità non da poco, che fa capire la posizione geografica strategica del luogo e l'importanza che gli fu data allora. Il ciclo decorativo degli affreschi attribuiti a Pietro Maria Bagnatore e aiuti, costituisce l'unico esempio freschivo rimasto di tale entità ed estensione. Lo studio ha approfondito soprattutto l'aspetto iconografico del ciclo pittorico e cioè il significato delle raffigurazioni, rivelando le precise fonti agiografiche su cui l'artista si è ispirato. Le numerose date rinvenute all'interno, alcune inedite, possono fare ipotizzare la durata dei lavori in circa un lustro dal 1588 al 1592 con la pala ad olio dell'altare forse collocata successivamente. Per meglio descrivere il complesso ciclo freschivo lo si è diviso in tre schemi (pareti dell'aula, lunette e volta presbiteriale) delineati nel libro.

Da ultimo ha preso la parola la dott.ssa Beatrice Granato Guerrini, presidente del Club Unesco Brescia Santa Giulia, che ha patrocinato insieme al Comune di Rezzato e agli Spedali Civili di Brescia la pubblicazione, sottolineando la ricchezza culturale di Brescia e della sua provincia, spesso nascoste, e la felice esperienza dell'Associazione Carmagnola che merita di essere sostenuta e conosciuta maggiormente. Ha ricordato poi il complesso di Santa Giulia entrato nella lista del patrimonio mondiale dell'Unesco del 2011e riconosciuto come tale nel 2014.

L'iniziativa è stata segnalata anche nel blog del Club Unesco Brescia Santa Giulia

L'eco dell'iniziativa ha travalicato non solo i confini locali ma anche quelli regionali, per la presenza di una refererente dell'Ufficio Pellegrinaggi della Diocesi di Vicenza, interessato a questo luogo che per secoli costituì un hospitium per viandanti e pellegrini.

Alcune immagini della serata a cura del fotografo dell'Associazione Carmagnola Roberto Fietta

Copyright © 2018 Inscenalarte di Riccardo Bartoletti. All Rights Reserved.
Joomla! is Free Software released under the GNU/GPL License.

Cerca

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information